APPUNTAMENTO: Complesso del Vittoriano, Ala Brasini in Via di San Pietro in Carcere, Roma
ORE: 19.00
IMPORTO: 23 euro con n. minimo partecipanti 15
PRENOTAZIONE ENTRO E NON OLTRE MARTEDI’ 24/01/2017
A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE PAGAMENTO ENTRO E NON OLTRE GIOVEDI’ 26/01/2017 SU CARTA POSTEPAY SUCCESSIVAMENTE COMUNICATA
EVENTO A CURA DI: Laura Scoccia

È stato lo stesso Edward Hopper (1882-1967) – il più popolare e noto artisti americano del XX secolo – uomo schivo e taciturno, amante degli orizzonti di mare e della luce chiara del suo grande studio, a chiarire la sua poetica: “Se potessi dirlo a parole, non ci sarebbe alcun motivo per dipingere”.
Dagli acquerelli parigini ai paesaggi e scorci cittadini degli anni ‘50 e ’60, l’esposizione curata da Barbara Haskell – curatrice di dipinti e sculture del Whitney Museum of American Art – in collaborazione con Luca Beatrice, attraverso più di 60 opere, tra cui celebri capolavori come South Carolina Morning (1955), Second Story Sunlight (1960), New York Interior (1921), Le Bistro or The Wine Shop (1909), Summer Interior (1909), interessantissimi studi (come lo studio per Girlie Show del 1941) celebra la mano di Hopper, superbo disegnatore: un percorso che attraversa la sua produzione e tutte le tecniche di un artista considerato oggi un grande classico della pittura del Novecento.

MODULO DI PRENOTAZIONE

* Campo Obbligatorio