APPUNTAMENTO: Via Ostiense, 106 (Centrale Montemartini)
ORE: 16.00
IMPORTO: 8 euro (costo visita) + biglietto di cui variabili ingresso museo + mostra: Intero € 11,00/Ridotto € 10,00
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza): Intero € 10,00/Ridotto € 9,00
EVENTO A CURA DI: Cristina Vuerich

La mostra nasce dall’opportunità di accostare produzioni e ideologie che hanno accompagnato la nascita e lo sviluppo di due tra le più grandi civiltà del Mediterraneo, un mare che nell’antichità ha sempre favorito gli scambi e l’incontro di culture, che, sia pure nella loro eterogeneità, possiamo definire mediterranee. Sono esposti preziosi oggetti egizi trovati a Vulci risalenti al VIII-VII secolo a.C. e al III secolo a.C, messi a confronto con i reperti di Eugene Berman, pittore, illustratore e scenografo russo, ma anche collezionista d’arte; reperti che acquistò durante i suoi viaggi in Egitto tra il 1964 e il 1965 ed essendosi stabilito a Roma, nel 1972, alla sua morte, donò, insieme al resto della collezione, allo Stato Italiano e per esso alla Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Etruria meridionale. Altre testimonianze della cultura egizia provengono dal Polo Museale della Toscana-Sezione Egizia del Museo Archeologico di Firenze. Tra i materiali esposti quelli della Tomba dello Scarabeo dorato, trovata a Vulci nel 2016.
Il cui corredo funerario è stato rinvenuto nell’ambito dell’attività di contrasto agli scavi clandestini.
Anche i ladri di tombe accomunano il destino di questi due popoli!
Al termine della visita alla mostra sarà anche proposto un breve “assaggio” di alcuni dei capolavori presenti alla Montemartini.

MODULO DI PRENOTAZIONE

* Campo Obbligatorio